Feltri: ma anche no!

Caro Vittorio Feltri, mi chiamo Daniel Cuello. Sono un cosiddetto “immigrato economico”. Sono arrivato in Italia da bambino insieme alla mia famiglia, in un’epoca, per mia fortuna, in cui l’economia italiana godeva ancora della lunga coda dei benefici del boom dei decenni precedenti, arrivato da un paese, l’Argentina, che soffriva (e soffre) all’opposto, come in uno specchio perverso, della lunga coda del disastro economico.

Ero un poveraccio, come mi definisce lei, in Argentina e lo sono stato per molto, moltissimo, tempo anche in Italia. La mia più grande fortuna è stata avere dalla mia parte dei genitori che hanno fatto enormi sacrifici per darmi il massimo che potevano, garantendomi una buona istruzione, lavorando sette giorni su sette, 15 ore al giorno, pur di pagare anche l’insegnante di sostegno, alla quale devo molto più della semplice coniugazione dei verbi. Istruzione fatta di insegnanti ai quali interessava ben poco del conto corrente dei miei genitori (ad eccezione di alcuni rari e maleodoranti casi) o quello dei genitori dei miei compagni di classe, di gran lunga più consistenti.

Leggendo il suo editoriale di un paio di giorni fa non solo mi sono sentito offeso, non solo ho sentito la morsa della più bieca discriminazione raziale ed economica, ma mi sono posto delle domande, ad esempio, che persona sarei oggi se non mi fossi dovuto confrontare quotidianamente con persone dal potere economico nettamente superiore al mio? Che persona sarei se non avessi avuto dalla mia parte genitori coraggiosi e insegnanti (e dirigenti scolastici) interessati alla mia istruzione e non alla mia provenienza culturale ed economica? Le sue considerazioni, come quelle di Facci, condivisibili solo sul “esistono i poveri ed esitono i ricchi” sono offensive e un pericoloso nutrimento per la discriminazione. Se è vero che l’istruzione italiana non gode più di quella attenzione (economica) che riceveva dieci, venti o trent’anni fa, è necessario intervenire (è difficile, lo so, perché è di politica che stiamo, tristemente, parlando) affinché ciò ritorni consuetudine, invece di creare ulteriori divisioni, antagonismi e ghettizzazioni culturali, come lei o la dirigente dell’istituto scolastico romano auspicate.

Antagonismi e ghettizzazioni che sappiamo molto bene dove possono portare. Sono davvero grato al sistema scuola, che mi ha dato le stesse opportunità garantite a chi era più ricco di me, che mi ha “illuso” al punto tale da investire tutte le mie energie per diventare un autore e disegnatore di fumetti (o graphic novel, libri, li chiami come preferisce). È proprio vero: la scuola illude, e lei, Feltri, uccide ogni speranza. Ma si sbaglia. E tanto. «Questa è la verità ed è da fessi contestarla» per citare le sue stesse parole.

Mercedes al Circolo dei lettori – Torino

Il 21 gennaio, quel periodo che ti sembra ancora lontanissimo perché il 2019 ha affondato gli artigli nella tua corteccia cerebrale con tale aggressività che il nuovo anno deve fare appello a tutta la sua violenza per farsi spazio, io sarò al Circolo dei lettori, a Torino.

Faremo due chiacchiere, spareremo un po’ di gossip come di consuetudine, ci saranno le mie cartoline omaggio da collezione e le pregiate dediche realizzate con una penna low cost che devo ancora comprare perché le ho finite tutte.

Se non erro, ma potrei benissimo perché non ho memorizzato niente che vada oltre il 31 dicembre, è l’ultima presentazione di Mercedes in programma. Quindi un’occasione rarissima per sentirmi dire cose su di lei, tipo: Chi è? Perché si sposta sempre verso destra in tutte le pagine (ci avete mai fatto caso?)? Come si diventa fumettisti? Qual è il pantone dei suoi capelli? O, fondamentale, in quale valigia teneva il dildo? Cose così.

Mercedes in selfie mode

Ci vediamo lì eh, non fate i bravi 👊

Riassumendo:
➝ martedì 21 gennaio
➝ ore 21:00
➝ Circolo dei lettori, Torino
➝ dediche
➝ cartoline omaggio
➝ selfie con Mercedes

Per altre informazioni clicca qui!

Mercedes Tour

Ok, ci siamo Inizia il Mercedes Tour! Ci vuole una colonna sonora adeguata, tipo questa: https://youtu.be/nq_SpRBXRmE?t=154

Risposte a domande che spesso mi fanno: non solo ci sarà la presentazione ma anche il firmacopie (con disegni e cartoline omaggio), e potete portare il libro anche se lo avete comprato altrove (e pure i miei altri libri).

Una chiacchierata, delle risate sparse, come e perché è nato questo libro, chi è Mercedes e tutte le domande che volete. Dai dai dai 💪

Mercedes non si ferma!

Lucca Comis 2019

Perbacco! Il mio cervello mi ha appena informato che fra qualche giorno inizia Lucca Comics & Games e che mi stavo dimenticando di mettere questo: sono i miei orari, i posti dove sarò e le cose che farò 🤙‬
È probabile che si aggiungano/modifichino delle cose in corso d’opera ma tanto spammeró quotidianamente, saprete tutto tutto.

Mercedes è lì.

Ogni volta volta che esce un mio libro mi faccio una foto così, mi ci copro mezza faccia. Perché so come funziona l’algoritmo del cervello umano: si sofferma quando vede un volto, siamo istintivamente attratti dai volti. Siamo programmati così, c’è poco da fare. Ma non è l’unico motivo, non è solo marketing. Mi viene spontaneo, perché tutti i miei libri sono una parte di me (può essere retorica, lo so, ma è vero) è un po’ come se mi tagliassi a fettine e ne mettessi alcune dentro un cartonato con una bella copertina. Mercedes, c’est moi (semicit).

C’est moi, a giorni alterni.

Grazie a tutti quelli che mi stanno scrivendo le loro opinioni, i loro commenti, le loro interpretazioni e le parole non dette, quelle tra le righe, quelle rumorose, quelle che vanno a colpire dritte dritte una zona del cervello molto profonda e molto particolare in cui resteranno a lungo.
Mercedes è lì.

Potete acquistare il libro un po’ ovunque: in libreria, in fumetteria e online (come sul sito della Bao, su IBS o Amazon). Tutte le copie, hanno l’inserto extra di 16 pagine, sì, anche la versione variant per Lucca Comics. Questo fino all’esaurimento della prima tiratura. Quel momento sarà anunciato dalla Bao Publishing, quindi tranquilli che ce n’è per tutti, per ora.

Mercedes: parliamo della copertina? Ok, parliamo della copertina.

Un libro non si sceglie dalla coper… E INVECE ANCHE SÌ! Ammettiamolo, io stesso ho comprato edizioni dello stesso identico libro solo perché avevano una copertina diversa/più bella. Se la storia che un libro contiene è la polpa, la copertina è la buccia. La comprereste una mela ammaccata, forata, smangiucchiata, rugosa e purulenta? Forse sì, ma fate finta di no per dare senso alla mia metafora.
Ho iniziato a fare bozzetti di copertina già a febbraio (in fondo a questo post ne trovate alcuni), quando ancora non avevo nemmeno finito lo storyboard. Perché serviva prima. Serviva una versione da dare in pasto ai librai e ai social già da allora, mesi e mesi prima dell’uscita ufficiale. Così tra le tante idee abbiamo preso la più funzionale ed è venuta fuori questa, carina:

Copertina provvisoria

Sì, carina. Ma carina non è abbastanza. I mesi sono passati, tra lacrime, sangue e sudore ho iniziato e finito di disegnare le tavole definitive e ci siamo accorti (in redazione a dire il vero) che no, la copertina provvisoria non andava bene, andava rifatta. Ripensata completamente. Sennò che la chiami provvisoria a fare?

Va bene, challenge accepted!

Bozzetti, bozzetti, idee, e poi -BAM- l’idea giusta. Il tutto ad una manciata di giorni dalla chiusura del libro.
Ci ho messo mezza giornata per disegnare e colorare la copertina. E poi quattro giorni per aggiustare la luce che la illumina. Ma sul serio eh. È stato un continuo braccio di ferro tra me e la BAO “più luce qua, meno luce la, ombre più scure, fiamme più sature, smarmella tutto (cit.), fai una prova con la luce blu bianca verde tenné”. Riporto testualmente un pezzo di email che ho ricevuto da Michele Foschini: “non dobbiamo pensare realisticamente la luce e il colore: è come il cerone sul viso di un attore di teatro, che esagera i lineamenti altrimenti chiunque non sia in prima fila non lo vede bene”.
E allora vale tutto, ho sparato su Mercedes la luce di una supernova, in barba a tutte le leggi della fisica. E aveva ragione. Alla fine abbiamo trovato la quadra ed è uscita la copertina che ormai avete visto ovunque. Ed è figa:

Continua a leggere

Colored Roots

In questi giorni (dal 3 al 6 ottobre) a Torino è in corso la terza edizione dei Graphic Days, un festival dedicato alla grafica, l’illustrazione e… beh, al visual design, in sintesi. Tra i tanti eventi organizzati hanno allestito anche la mostra collettiva Just Humans, 100 illustrazioni senza confini. Il titolo parla da solo.

Io, su invito di Ilaria Urbinati, ho partecipato con questa mia illustrazione:

In una società altrimenti grigia e indifferente, le nostra origini sono legami colorati che la rendono più ricca e variopinta. Legami che ci parlano di noi stessi, delle nostre qualità, del nostro potenziale. Le nostre origini sono lacci colorati, preziosi e delicati sussurri di un mondo che, per quanto difficile, è possibile.

Colored Roots – Daniel Cuello

La mostra è visitabile al Museo Egizio di Torino, gratuitamente, dal 2 ottobre al 3 novembre 2019.

Qualche dettaglio: