Le buone maniere – booktrailer

Ė il 26 maggio: Le buone maniere è là fuori (era uscito in anteprima al Salone del libro, ma ora è ovunque, come un fungo, più o meno).

Per l’occasione ho crearo un booktrailer, avessi piu tempo ne farei un molte di animazioni: mi piace un sacco creare le scene, trovare la musica gusta, montare tutto in modo che combaci alla perfezione… tutta quella roba la insomma. Una volta lo volevo fare come lavoro, fare i trailer, intendo. Ma vabbè, poi è andata così 🤷‍♂️

Buona visione ;)

Un beluga per Natale

Ieri, mercoledì 22 dicembre, Caterina Marietti (Regina suprema di Bao Publishing) ed io ci siamo visti su instagram per progettare insieme a chi ci seguiva e scriveva una cartolina natalizia che chiunque può stampare a casa, con la propria stampante (o in una qualunque stamperia).
Come prevedibile (visto che ieri era pure il suo compleanno) fin da subito è comparso Piero Angela. E non puoi certo dire di no, se c’è un Angela di mezzo. Avevamo il primo personaggio! E il secondo? Un giovane Alberto Angela, chiaramente! La dinastia angelica al completo.
Ma ci serviva anche la nemesi! Qualcosa o qualcuno che movimentasse la scena. Prima è comparso Rasputin (di Residenza Arcadia), poi un cetaceo. QUEL cetaceo. Un beluga che entra dalla finestra è si spiaggia sull’albero di Natale!

Avevamo tutto! A quel punto non mi restava che mettere un bel film in sottofondo (ho messo il film più lento di Malick, perché sono masochista: Knight of Cups) e disegnare. Ed Eccola qui, la cartolina!
(dopo l’immagine ci sono i file da scaricare e stampare).

FILE DA SCARICARE

Cartoline in formato PDF: clicca qui!
Cartoline in formato JPG: clicca qui! (poi tasto destro e “salva”)

Ho preparato un file in formato A4, sul quale ci sono quattro cartoline, basta tagliare (possibilmente con righello e taglierino [con la “punta arrotondata”, cit.]) per avere 4 cartoline pronte all’uso. L’importante è tagliare seguendo le linee rosse che si vedono qui:

FFFFFATTO! Fatene buon uso! E buone feste a tutti i beluga! ;)
Ma più di tutto, grazie a tutte e tutti per aver partecipato a questo esperimento sociale!

Le buone maniere

Tic… Tac… Tic… Tac… ci sto lavorando dal gennaio del 2020. Sono un po’ in ritardo, ok, sì, lo ammetto! Ma in mia discolpa posso dire che da quando l’ho iniziato il mondo è cambiato mille volte e in mille modi diversi (e pure io). Ma ora ci siamo. Lo storyboard è finito, il character pure e ora sto lavorando sulle tavole definitive. Tic… Tac… Tic… Tac… Le buone maniere sta arrivando. E non sarà indolore.

Niente può fermare Mercedes: Premio Micheluzzi per il miglior fumetto 2020 al Comicon

Credetemi (c’è chi può testimoniarlo): fino a quando non me l’hanno detto ero convinto che avrebbe vinto qualcun altro. Ma convinto tipo al 200%. Sono felice, davvero.

In un certo senso trovo davvero simbolico, quasi ironico, che Mercedes abbia vinto il Micheluzzi quest’anno, il 2020, che, come anno, molto gentile non si può dire che sia stato. In fondo Mercedes è la storia di una fuga, di una rovina in una società devastata dai cambiamenti climatici. Ma prima di tutto è la storia di una donna, come potremmo esserlo tutti, mossa da desideri e paure.


La pandemia, fidatevi, è solo uno dei tanti “piccoli” eventi che, se non muoviamo il culo, tutti insieme, come collettività, presto saranno sempre più frequenti, drammatici e incontrollabili. Se a fine secolo avremo davvero quei tre gradi centigradi in più di media, Mercedes (ma pure Residenza Arcadia), non sarà più un libro distopico (benché io non lo abbia mai considerato tale). Mercedes è già qui, ci sta già sfidando. E noi siamo ancora in tempo, non tanto per evitare la catastrofe, ma per contenere i danni.

Mercedes è tutte e tutti noi. E, lo sappiamo, niente può fermare Mercedes.

Mercedes è fuoco!

Ed ora: ringraziamenti!

Lo so, i ringraziamenti spesso sono noiosi da leggere o da ascoltare, ma per me, che li scrivo, sono davvero importanti (un libro, che sia un fumetto o solo di parole, non è il risultato del lavoro di una sola persona):

Grazie Napoli Comicon, guria, tuttə voi, davvero.
Grazie Cate, Michele, tutte e tutti i ragazzi di BAO Publishing che vi fate un mazzo tanto per i nostri fumetti.
Grazie ai miei genitori, che mi hanno sempre incoraggiato e che hanno fatto sacrifici enormi ANCHE per questo, in fondo è tutto merito loro. Grazie a Patrizia, mi señorita, che mi fa da faro nel mare di idee.
Grazie a tutte quelle persone che hanno creduto in me e a tutte quelle a cui ho rubato qualche peculiarità, diventata poi una caratteristica di questo o quel personaggio.
Grazie a tutte quelle persone che hanno parlato bene, ma pure male, di Mercedes. Grazie a chi l’ha letto, sfogliato o sbirciato.
Eleonora, ovunque siano i tuoi atomi, grazie per avermi insegnato l’italiano (e anche quell’infinità di altre cose che non avrei spazio per elencare). Sei stata il mio Gandalf. Mi manchi.

Daniel

Per saperne di più su Mercedes clicca qui (per andare sul sito della BAO Publishing) o qui, dove troverai un po’ di cose sparse su di lei ;)

Mercedes: the Original Comic Book Soundtrack

AVVISO: è una lettura lunga, ma è una parte importante di Mercedes, che volevo raccontare. Prima o poi. Potete leggere tuto quanto, un pezzo o andare direttamente alla playlist, senza leggere niente 🤷‍♂️

Clicca qui per andare alla PLAYLIST su Spotify.

Qualcuno ha detto colonne sonore!? Ah sì, sono stato io in praticamente TUTTE le presentazioni di ogni mio libro. Ne ho parlato agli eventi, qui sul sito, sui social, persino con il mio analista. Sono ossessionato dalle colonne sonore. Non solo perché mi piace la musica strumentale dei film ma anche perché la uso: non c’è una singola scena, nelle mie storie, che non abbia immaginato senza aver avuto una giusta colonna sonora in sottofondo, spesso ripetuta per ore, giorni o mesi (sul serio, anche mesi e mesi). La musica ha un potere enorme non solo su di me, ma su chiunque (lo so che passate ore nella macchina ferma, in segreto e nella vergogna, ad ascoltare i grandi successi di Leone di Lernia).

La prima cosa che faccio è prendere una colonna sonora che mi piace, o anche un singolo brano, dimenticare COMPLETAMENTE il film/contesto per il quale è stato composto (cioè prendo proprio tutto quello che ricordo di quel determinato film e lo butto dalla finestra) e immaginare le scene e i dialoghi come li voglio io. Per Residenza Arcadia, ad esempio, ho usato le musiche di Moon (un film di fantascienza) per pensare ad alcune scene in cui Ester fa cose. Capite? Una vecchietta in un condominio con in sottofondo le musiche di un film di fantascienza! Figo!

Continua a leggere

Mercedes Tour

Ok, ci siamo Inizia il Mercedes Tour! Ci vuole una colonna sonora adeguata, tipo questa: https://youtu.be/nq_SpRBXRmE?t=154

Risposte a domande che spesso mi fanno: non solo ci sarà la presentazione ma anche il firmacopie (con disegni e cartoline omaggio), e potete portare il libro anche se lo avete comprato altrove (e pure i miei altri libri).

Una chiacchierata, delle risate sparse, come e perché è nato questo libro, chi è Mercedes e tutte le domande che volete. Dai dai dai 💪

Mercedes non si ferma!

Lucca Comis 2019

Perbacco! Il mio cervello mi ha appena informato che fra qualche giorno inizia Lucca Comics & Games e che mi stavo dimenticando di mettere questo: sono i miei orari, i posti dove sarò e le cose che farò 🤙‬
È probabile che si aggiungano/modifichino delle cose in corso d’opera ma tanto spammeró quotidianamente, saprete tutto tutto.

Mercedes è lì.

Ogni volta volta che esce un mio libro mi faccio una foto così, mi ci copro mezza faccia. Perché so come funziona l’algoritmo del cervello umano: si sofferma quando vede un volto, siamo istintivamente attratti dai volti. Siamo programmati così, c’è poco da fare. Ma non è l’unico motivo, non è solo marketing. Mi viene spontaneo, perché tutti i miei libri sono una parte di me (può essere retorica, lo so, ma è vero) è un po’ come se mi tagliassi a fettine e ne mettessi alcune dentro un cartonato con una bella copertina. Mercedes, c’est moi (semicit).

C’est moi, a giorni alterni.

Grazie a tutti quelli che mi stanno scrivendo le loro opinioni, i loro commenti, le loro interpretazioni e le parole non dette, quelle tra le righe, quelle rumorose, quelle che vanno a colpire dritte dritte una zona del cervello molto profonda e molto particolare in cui resteranno a lungo.
Mercedes è lì.

Potete acquistare il libro un po’ ovunque: in libreria, in fumetteria e online (come sul sito della Bao, su IBS o Amazon). Tutte le copie, hanno l’inserto extra di 16 pagine, sì, anche la versione variant per Lucca Comics. Questo fino all’esaurimento della prima tiratura. Quel momento sarà anunciato dalla Bao Publishing, quindi tranquilli che ce n’è per tutti, per ora.